mercoledì 3 settembre 2008

La Costituzione Italiana...

tra poco riprendono le scuole e, a partire da quest'anno, nelle aule entrerà la Costituzione Italiana.
Un'iniziativa lodevole del ministro Mariastella Gelmini, ma, cosa succederà quando i ragazzi si renderanno conto che nella Costituzione c'è scritto che:

....
Art. 3.
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

quindi niente lodo Alfano, niente immunità a uno o a pochi...
....
Art. 5.
La Repubblica, è una e indivisibile....

quindi niente Padania o altro...
....
Art. 7.
Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.
quindi niente intromissioni del Vaticano nella vita politica o meno italiana
...
Art. 9.
La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.
Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

quindi niente tagli, niente vendita ai privati dei parchi, delle coste e altro
...
Art. 10.
Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica...
...
Art. 11.
L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali;
quindi niente Iraq, Afghanistan e altro...
....
Art. 13.
La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni...
e va rispettata
...
Art. 19.
Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume...

penso valga anche per le moschee
...
Art. 21.
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

...vabbè va...
...
Art. 34.
La scuola è aperta a tutti.

...se pagano...
...
Art. 35.
La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni.

e
Art. 36.
Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.

l'articolo su cui è basato il precariato...
...
Art. 53.
Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

...sottolineerei tutti
...
Art. 101.
La giustizia è amministrata in nome del popolo.
I giudici sono soggetti soltanto alla legge.

...e non al governo o al parlamento

...e altri ancora...
(prendendo spunto da "La ricostituente" di Marco Travaglio)

5 commenti:

francesca ha detto...

penso che per i ragazzi sarà una bella lezione di vita: fin da subito scopriranno la differenza tra la retorica italiana e la prassi. e soprattutto che leggi (la costituzione è una legge) in italia non le rispetta nessuno.
evviva

francesca ha detto...

ieri in tv ho visto un servizio interessante: in colombia hanno attivato un'iniziativa per cui i ragazzi delle scuole passano una giornata intera in un carcere, a contatto con i detenuti, le loro storie, i loro disagi, i loro ripensamanti. l'iniziativa è partita da un detenuto, omicida, che con gli anni ha capito che, se gli avessero fatto vedere prima com'era il carcere e quello che lui e la sua famiglia avrebbero patito, forse ci avrebbe pensato 2 volte prima di sparare.
geniale, perchè non c'è nulla di artificioso, i ragazzi escono davvoro colpiti

fabris ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
fabris ha detto...

è un'idea sicuramente interessante...
è l'unico modo per far capire quali possono essere le conseguenze delle azioni che compiamo...
forse anche un giro negli ospedali per capire cosa può causare una notte brava potrebbe essere utile...
anche se mi immagino le associazioni dei genitori, degli psicologi e affini che si scagliano contro questo tipo di iniziative perchè potrebbero causare scompensi nei giovani e rendergli la vita difficile...
rischierebbero di rendersi conto che la vità non è quello della playstation...

Alessandro Tauro ha detto...

Ho sempre pensato che la Costituzione Italiana fosse il testo più all'avanguardia che mai mente umana avesse potuto concepire.
Basta dare un'occhiata e paragonarla agli altri testi costituzionali per capire lo spirito di democrazia, solidarietà e giustizia sociale su cui è imperniata.
Lo penso sempre più, vedendo in che modo è regolarmente disattesa la sua applicazione.
E' troppo moderno come carta costituzionale. Non siamo ancora pronti.
Grazie a Togliatti e De Gasperi per questo regalo, ma dovranno aspettare ancora...